Forte Hlawaty o Ceranino

Sorge sulla sinistra Adige su di un piccolo ripiano del Monte Pastello a quota 236 m. a dominio della sottostante ansa del fiume. Nel territorio comunale di Dolcè in località Ceraino. Fu costruito dagli austriaci tra il 1850 ed il 1851. Armamento principale:Quindici bocche da fuoco di vario calibro. Armamento secondario:Due – quattro pezzi a tiro rapido. Dopo il 1866 fu chiamato Forte Ceraino.

Faceva parte dei forti della “Chiusa di Rivoli-Ceraino”. Fu intitolato al luogotenente feldmaresciallo Johann von Hlavaty ( 1788 – 1870 ) come riconoscimento per la sua attività di architetto militare ( diresse anche la costruzione di numerosi forti di Verona e della cinta muraria ). Doveva battere la Val Lagarina verso Dolcè, il monte S. Marco ed una parte dell’anfiteatro di Rivoli incrociando il fuoco con il forte Rivoli ed il sottostante Adige. Dopo la riunione del Veneto all’Italia, fu ammodernato e migliorato cambiando la direzione del tiro ed inserendolo nel nuovo sistema difensivo realizzato verso il confine trentino dell’Impero Asburgico. Venne adibito poi a deposito di munizioni. E’ stato da pochi anni dismesso dall’esercito Italiano e veniva usato dalla Forestale.